Dove vengono salvati gli email attachments di Mail?

iPhone dove vengono salvati allegati mail

iPhone dove vengono salvati allegati mail

Se possedete un iPhone e un account email, e magari avete anche avuto l’ardire di aver fatto il jailbreak e di avere la possibilità  di divertirvi con i file – specialmente i documenti, vi sarà  capitato di chiedervi dove diavolo vengono salvati gli attachment che scaricate dal vostro mailserver.
Anzitutto va precisato che – Erica Sadun docet – solo pochi allegati vengono scaricati, nella fattispecie quelli che voi volete visualizzare sul telefono, e non restano a lungo nel vostro amato dispositivo.
Inoltre, come suo solito, Apple non é che vi faciliti le cose, in questo modo dovete ricorrere ad applicazioni commerciali, che esistono, per salvare gli allegati e per poterli modificare. Per la prima operazione esistono almeno tre applicazioni, due presenti su App Store (Quickoffice e Readdledocs) e una su Cydia (AttachmentSaver), tutte a pagamento. Quickoffice vi permette anche di modificare i documenti, riproponendo le funzioni di base delle più comuni suite office.
Se avete voglia di fare da voi, magari con l’ausilio della ganzissima – e gratuita nelle sue funzioni principali – applicazione iFile (disponibile se avete fatto il jailbreak), potete fare come ho fatto io. Ovviamente, non garantisco nulla, a me ha semplicemente funzionato!
Anzitutto scaricate l’attachment che vi interessa da mail (cliccandoci sopra col ditino e aspettando che lo scarichi tutto), dopodiché memorizzate la dimensione del file e, se ce la fate, anche il giorno corrente, chiudete precipitosamente Mail, aprite iFile e andate, sempre col ditino, su
/var/mobile/Library/Mail/MFData
lì troverete perlomeno l’ultimo attachment che avete scaricato, che potrete riconoscere incrociando i dati a vostra disposizione, ovvero data e dimensione (non é facile, lo so, ma magari potete appuntarvi entrambi su un fogliolino).
Il vostro ambito file avrà  un nome impronunciabile ed irricordabile, e un’estensione mai vista: insomma, non riconoscerete il vostro pupillo.

Non vi scoraggiate, copiatelo con iFile, portatevi in una cartella sicura ed incollatecelo. Poi cambiate l’estensione in doc, sempre usando iFile (tutte cose che io non vi imparerò): vualà !
A questo punto potete farne ciò che volete.

Divertitevi
NB: ricordatevi di controllare che i permessi della cartella in cui Mail salva gli allegati non vengano modificati, altrimenti ogni volta che Mail prova a scaricare un attach va in crash…