Lo’Jammat

LoJammat

LoJammat

LoJammat

LoJammat

LoJammat

LoJammat

LoJammat

LoJammat

LoJammat

LoJammat

Ebbene sì, suono in un gruppo musicale, ho il complessino, “the band”.

Siamo in 4, col Bombi ci suono da più di dieci anni, da quand’ero piccolo, da quando ha scoperto che é proprio il pedale della grancassa a produrre quei suoni, e non il timpano, insomma, dal tardo autunno 1996, quando siamo andati da Checcacci e, tutti insieme, abbiamo preso a nolo la peggior batteria che avevano da dare. Un aggeggio rosso, il cui charleston il Bombi stesso provvide a sfondare non troppo tempo dopo. Il bombi, per chi non l’avesse capito, é il batterista, a mio avviso uno dei migliori in circolazione. Suona un po’ come se fosse un polipo, una valanga, una caduta massi, e restano ben poche frequenze a disposizione.

Mathijs é arrivato per secondo, l’ho trovato che faceva il coinquilino a casa della (allora) ragazza di un mio caro amico, ho visto il basso e gli ho proposto di venire a suonare con noi, o comunque a provare, prima ancora che mi fosse noto il suo nome. Non so per lui, ma per me é stato amore al primo accordo.

Andrea é arrivato per ultimo, é un cantante atipico. Non rompe i coglioni se gli si fa un appunto. Non fa scenate isteriche né da giù di testa se si fa presente che una linea vocale non piace. E’ entusiasta é indubbiamente é il PR del gruppo. E’ l’unico di noi cui siano stati gettati, durante un concerto, indumenti intimi femminili addosso, con discreta mira e perizia. Per altro tirati da donne, credo che voglia dire qualcosa.

La musica che facciamo la sentirete, prima o poi si aprirà  un sito, appena riusciamo a trovare un grafico, un webmaster, un tecnico del suono e un addetto stampa.

Per intanto piazzo un paio di foto, così capite che gente siamo.